Portare un tagliere in tavola è sempre un’idea vincente, che si tratti di una cena informale tra amici o di un evento svolto all’interno di una location esclusiva: anzi, in molti casi i taglieri diventano i protagonisti del buffet, organizzati in base a tematiche food diverse, come proposte di carne, di pesce, vegetariane, legate alla polenta, a straccetti di pizza o persino ad un bel mix di frutta!

Il ruolo del tagliere

Come sappiamo, il tagliere è, in realtà, deputato ad una funzione specifica: la comodità di poter tagliuzzare qualunque tipo di ingrediente senza rovinare il piano cucina ed in tutta stabilità.

Sebbene esistano, ad oggi, proposte in plastica, la tradizione culinaria italiana vuole che questi utensili siano forgiati in legno, preferibilmente con essenze dure (come faggio, quercia, noce, acacia); in effetti, sono disponibili in commercio anche diversi taglieri cosiddetti “teneri” che, però, si consumano più velocemente e sono soggetti a scheggiature (che potrebbero anche finire nel cibo).

L’abitudine di molti ristoratori di presentare le pietanze più svariate adagiate ad arte su dei taglieri, inoltre, ha dato l’input per creare delle sagome differenti, con intagli, manici e piccole cavità per sistemare ciotole con salse, pietanze semi-liquide e finger food.

Linee guida

Preparare il tagliere perfetto è possibile.

Se pensiamo al classico salumi e formaggio, ci sono delle semplici linee guida per poter ottenere il risultato migliore.

Innanzitutto la cura dei particolari: i cibi devono essere asciutti, anche nel caso di frutta e verdura (lavata) o sottoli e sottaceti che vanno preventivamente “asciugati”. Questo eviterà ai commensali fastidiosi incidenti a tavola!

Secondo l’antico adagio che “anche l’occhio vuole la sua parte”, anche il pane deve essere sistemato al meglio, già tagliato in fette e ubicato in un angolo dedicato per restare “pulito” e non lasciarsi contaminare dagli altri alimenti presenti.

Se salse e pinzimonio possono essere facilmente proposti in ciotoline, i formaggi, invece, vanno tagliati in pezzi da “bocconcino” oppure lasciati interi e disposti ordinatamente per primi, mentre i salumi andranno aggiunti soltanto all’ultimo momento, ad esempio su un letto di verdura.

Altre ispirazioni

Chi ama decorare qualsiasi piatto troverà divertente avvolgere le fette di salumi su se stesse e porvi, al centro, un’oliva, come a formare delle piccole rosette!

Inoltre, l’utilizzo della frutta, delle erbe aromatiche e dei petali di fiori (commestibili) è altamente consigliato: uva, fichi, foglie di basilico, di menta o di rosmarino possono non solo dare un tocco di colore, ma anche intervenire in quanto a profumo e sapore!

Un’altra idea è quella di tagliare i formaggi in listarelle da organizzare a raggiera tutto intorno: un effetto visivo quasi ipnotico!

Infine, è sempre bene considerare l’ipotesi di inserire anche una piccola saliera e un mini servizio per aceto-pepe-olio; chi vorrà condire gli alimenti proposti, così, si sentirà subito a suo agio.

Insomma, ispirare i vostri ospiti con tanti taglieri a tematiche diverse sarà, sicuramente, un’iniziativa vincente!