Inutile dirlo: la cucina italiana è apprezzata in tutto il mondo, tant’è che sono tantissimi i ristoranti ed i locali sorti in terre straniere che hanno fatto di quest’iniziativa l’idea vincente della vita!

L’italian food domina sovrano persino negli USA, dove i cibi precotti e easy sembrerebbero avere la meglio, tra proposte alla McDonald’s o piccoli Hot Dog. D’altro canto, la dieta mediterranea è quella che si è sempre profilata tra le migliori, anche a detta degli esperti: un semplice piatto di pasta condito con basilico e pomodoro è, di certo, più salutare (e invitante) di qualsiasi proposta già pronta!

La gastronomia Made in Italy, insomma, identifica, a livello internazionale, l’arte della buona cucina.

Una lunga storia di contaminazioni

Sono tantissime le ricette estere che traggono origine da antiche preparazioni di matrice europea e, in molti casi, italiana; in effetti, dopo la caduta dell’Impero Romano che aveva, per lungo tempo, bloccato l’evoluzione dell’identità di tantissime zone italiche (e non solo), si è automatizzato quel fenomeno per il quale ogni regione ha personalizzato il proprio stile di vita, la propria amministrazione e, ovviamente, anche la propria cucina.

È da questo lungo processo che si sono originati, per esempio, i formaggi tipici o le classiche arance siciliane, passando anche per la pizza napoletana e i tortellini emiliani!

A questo proposito, vale la pena soffermarsi anche su alcune denominazioni specifiche:

  • prodotti DOP (Denominazione di origine protetta);
  • prodotti IGP (Indicazione geografica protetta);
  • prodotti STG (Specialità tradizionale garantita);
  • prodotti IG (Indicazione geografica).

Ma non solo.

Anche alcune bevande hanno cominciato a beneficiare di questo trend.

Il vino, ad esempio, ha saputo reinventarsi e personalizzarsi in tantissime proposte diverse, tanto da ispirare quello che oggi definiamo un vero e proprio turismo enogastronomico, che può appoggiarsi su iniziative, festival e sagre organizzati su e giù per lo stivale.

Allo stesso modo, il limoncello (liquore o crema) si è ritagliato uno spazio importantissimo attraverso i tipici limoni della Costiera Amalfitana.

Un tripudio di colori, profumi e sapori capace di ricreare l’atmosfera “italiana” anche fuori dai nostri confini, tant’è che molte realtà e-commerce hanno investito proprio in questo senso, esportando il nostro tesoro gastronomico anche in terre lontane!